Cofia abierta
  • Cofia abierta

Cuffia aperta

Cuffia senza chiusura sul viso.

Finitura
34,71 €

Quantità
Disponibile

I copricapi sono noti fin dal IV secolo d.C. e sono raffigurati in affreschi risalenti al tardo impero romano. La cuffia è rimasta in uso fino al XIV secolo come protezione di cotta di maglia per la testa del combattente. Si trattava di una sorta di cappuccio indossato sulla testa con aperture per il viso. Con la generalizzazione delle armature a piastre tra la fine del XIV e il XV secolo, la cuffia è stata relegata ai meno benestanti ed è stata sostituita dal camaglio tra i nobili. In questo modello l'apertura facciale è di forma quadrangolare. 

In spagnolo si chiama anche camal, parola importata dall'inglese, dove si chiama capmail, cioè cappello di maglia. Riceve anche il nome di boia, per la sua somiglianza con l'omonimo indumento usato dai macellatori di condannati. Anche almófar, che secondo il dizionario della RAE è il pezzo di un'antica armatura, una specie di cappuccio o di maglia, su cui veniva posto il cabasset. Si può anche vedere scritto almofre o almafre.

Come in passato, si consiglia di indossare un'imbottitura sotto la cuffia, per evitare che il ferro sfreghi contro i capelli. Storicamente, il camaglio era sempre cucito su stoffa o cuoio, proteggendo così il combattente dalla propria armatura. Nelle fonti la si vede indossata sotto l'elmo, ma anche sopra, come una sorta di copricapo. A volte è raffigurata come se fosse sostenuta da una specie di nastro all'altezza della fronte.

Dettagli:

  • Diametro dell'anello: circa 8 mm
  • Taglia unica
  • Peso: circa 3,5 kg (anelli rotondi) - 2,5 kg (anelli piatti)

Cinque finiture disponibili, tutte in anelli di diametro 8 mm in acciaio oliato.

  • Acciaio dolce annerito con anelli a sezione tonda non rivettati, assemblati 4 in 1. Spessori da 1,6 mm.
  • Acciaio elastico con anelli a sezione circolare non rivettati, assemblati 4 in 1. Calibro 1,6 mm.
  • Acciaio elastico con anelli a sezione tonda rivettati insieme con rivetto tondo, calibro 1,4 mm. 
  • Acciaio elastico con anelli a sezione piatta rivettati insieme con rivetto tondo, calibro 1,8 mm.
  • Acciaio elastico con anelli a sezione piatta rivettati insieme con rivetto conico (triangolare), calibro 1,8 mm. Per il Medioevo.

Informazioni sugli anelli:

  • La varietà nera è realizzata in acciaio dolce. Non richiede una grande manutenzione antiruggine.
  • Anello singolo in acciaio elastico o di molle: chiusura senza rivetti. Richiede l'oliatura per prevenire la ruggine dopo l'uso.
  • Anello rivettato: una replica meticolosa e robusta per il combattimento dell'epoca, con due sezioni: rotonda e piatta. I suoi anelli chiusi e rivettati offrivano protezione dalle frecce scagliate a una certa distanza, dagli affondi non molto potenti e, naturalmente, erano quasi invulnerabili ai tagli. La miglior protezione durante 3000 anni di storia dell'umanità. I rivetti possono essere rotondi o conici (più solidi). Devono essere oliati per evitare che si arrugginiscano dopo l'uso. I rivetti conici compaiono nel Medioevo. Questa varietà alterna anelli rivettati a file di anelli solidi.
Ulfberth
101025005 – AS
5 Articoli

Scheda dati

Material
Acero

Riferimenti specifici

ean13
4250673401307

Potrebbe piacerti anche

Loriga lunga

La cotta di maglia più usata nella Reconquista.

Prezzo 148,76 €

Loriga corta

Corazza medievale in cotta di maglia.

Prezzo 90,91 €

Cuffia imbottita II

Protezione imbottita da indossare sotto l'elmo, detta anche cuffia.

Prezzo 14,05 €
chat Commenti (0)
Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.
arrow_upward