L'elmo romano degli ultimi secoli della Repubblica

Era il cosiddetto “Montefortino”, rimasto in servizio fino a buona parte del XX secolo. Io AD Questo elmo romano era realizzato principalmente in bronzo ma anche in ferro (in ferro, secondo la cronaca del ritrovamento proveniente dalla necropoli di Montefortino, Italia) e la calotta aveva la forma di una mezza arancia, con ampie guanciali e una protuberanza superiore per il pennacchio. La sua caratteristica essenziale era la semplicità di preparazione e la facilità di produzione in serie. Questo fatto è importante se si considera il grande incremento che l'esercito romano conobbe durante la Media Repubblica, quando i confronti con Cartagine e con l'Oriente significarono il salto imperiale di Roma, con la conseguente necessità di equipaggiare rapidamente un numero crescente di truppe. Il Montefortino fu però superato in qualità dagli elmi romani di tipo gallico, motivo per cui venne progressivamente sostituito all'inizio dell'Impero.

Sin dal regno di Augusto (27 a.C.-14 d.C.), l'esercito romano utilizzò tre tipi di elmo: il tipo Buggenum, il modello Haguenau e il modello Weisenau. Il primo di essi era caratterizzato da un corpo dal profilo ogivale e con una protuberanza cava nella parte superiore; Aveva una piccola copertura del collo con un angolo più pronunciato rispetto ai precedenti elmi romani “Montefortino”. I ritrovamenti di questo tipo di elmo romano mostrano che era in uso a cavallo dell'epoca. Il tipo “Buggenum” sembra essere stato creato poco prima della morte di Cesare (44 aC), perpetuando il profilo del tradizionale elmo repubblicano di Montefortino. La cronologia di utilizzo del tipo Buggenum è limitata agli anni 50 a.C.-10 d.C. Lungo il s. Io AD Due furono le correnti che maggiormente influenzarono la produzione degli elmi per le legioni, quella di origine gallica e quella italiana. Le origini della corrente degli elmi “Imperiale Gallici” si collocherebbero alla fine del regno di Augusto; Tuttavia questi modelli conobbero un’espansione significativa solo a partire dalla metà del XIX secolo. Io AD La prima cosa da evidenziare su questi elmi di influenza celtica è che sono realizzati interamente in ferro e che il loro disegno deriverebbe dagli elmi gallici del tipo “Agen/Port” con cui l'esercito romano entrò in contatto per la prima volta. tempo dal momento della cessazione.

Montefortino

Replica dell'elmo tipo Montefortino 

Il tipo o categoria Coolus

Fu il primo disegno gallico adottato dalle legioni all'inizio dell'Impero. Anche questa tipologia di elmo, in bronzo o ferro, si caratterizzava per la semplicità di esecuzione e, come l'elmo romano di Montefortino, era dotato di una protuberanza superiore per l'aggancio di una cresta. Le rappresentazioni artistiche di questo tipo di elmo si concentrano soprattutto nel periodo compreso tra la fine del regno di Augusto e l'inizio dell'epoca flavia. Ma l'esercito mise presto in servizio un nuovo modello di elmo più adatto alle sue esigenze, il tipo Haguenau, realizzato in un unico pezzo, con un'ampia copertura per il collo perpendicolare e un solido rinforzo frontale fissato alle tempie; I poggiaguancia di questi elmi romani sotto forma di grandi piastre arrotondate alla base e sporgenti in avanti contribuivano a una buona protezione del volto del soldato.

Coolus

Replica di Weisenau

Apparve anch'esso all'inizio del principato e fu l'erede diretto del tipo Agen/Port. Era realizzato esclusivamente in ferro (con qualche eccezione, sicuramente tarda, in bronzo) e si distingue per la costruzione del cappuccio e del copricollo in un unico pezzo, nonché per l'esistenza di un foro per le orecchie, generalmente rinforzato da una fascia delimitata. . Presenta nella parte anteriore “sopracciglia” e un massiccio rinforzo, come nel tipo Haguenau, fissato alle tempie. Alcuni elmi romani di questa serie particolarmente curati hanno elementi decorativi in ​​ottone, rame rosso, argento o smalto. Talvolta è attestato un sistema di fissaggio della cresta mediante staffa centrale mobile. Sia il tipo Haguenau che quello Weisenau dovettero apparire nello stesso periodo, come conseguenza di una riforma militare, ma mentre il tipo Haguenau cadde in disuso alla fine del XIX secolo. I d.C., l'elmo romano modello Weisenau rimase durante il II e III secolo, vedendo probabilmente un uso diffuso. All'inizio del s. II d.C Al tipo Weisenau sono stati incorporati due rinforzi esterni che si intersecano nella parte superiore della calotta.

casco romano

Elmi romani realizzati in Italia, detti corsivi imperiali

Hanno una fattura molto simile a quella che abbiamo appena analizzato. Ampi guanciali e coprinuca proteggevano perfettamente il viso e il collo del soldato, a cui va aggiunto il rinforzo frontale, che divenne una caratteristica di tutti gli elmi romani a partire dalla fine del principato di Augusto. Da segnalare all'interno di questo gruppo l'elmo proveniente da Hebron (Israele), in ferro e risalente alla prima metà del XIX secolo. II, che presenta come novità rinforzi incrociati sulla parte superiore simili a quelli che si vedono negli elmi rappresentati nella Colonna Traiana. Entrambe le tendenze finirono per fondersi all’inizio del XX secolo. II, quando si cominciò ad apprezzare anche un maggior grado di standardizzazione. Gli ultimi tipi di elmi modello “imperiale” rimasero in dotazione alle legioni fino all'inizio del XX secolo. III d.C., come dimostrano alcuni pezzi conservati, tra cui spicca l'elmo romano della XXX Ulpia proveniente da Niedermörmter, mostrato nell'immagine seguente.

casco romano

Durante gli anni s. III, cominciò a diffondersi un modello di elmo romano che, caratterizzato da pragmatismo, semplicità e basso costo di produzione, rimase in uso in Europa per tutta la Tarda Antichità: ci riferiamo allo “Spangenhelm”. Questi elmi romani si distinguono per la loro costruzione in segmenti, generalmente quattro (o sei), uniti tra loro, che ne facilitavano la produzione in serie. Avevano guanciali articolati e potevano o meno avere una copertura per il collo, che non sporgeva all'indietro, ma cadeva direttamente sul collo (a volte questa funzione era coperta da un pezzo di rete aggiunto nella parte posteriore dell'elmo). Durante gli anni s. III, la fanteria utilizzava anche elmi molto simili a quelli della cavalleria, come gli elmi romani del tipo “Niederbieber” e “Heddernhelm” (II-III secolo), che prolungano nel tempo l'evoluzione del tipo Weisenau. I rinforzi, quando esistono, acquistano maggiore efficacia grazie alla loro posizione diagonale. Alcuni di essi erano realizzati in bronzo, ma la maggior parte associa un cappuccio in ferro con l'aggiunta di elementi in bronzo. Nell'immagine uno Spangenhelm con cotta di maglia.

spangelhelm

Insieme allo Spangenhelm, i modelli di elmo romano più diffusi tra le truppe romane del XVI secolo. IV e V erano del tipo “Intercisa”, molto più semplici e standardizzati, ma perfettamente funzionali e adatti alla loro missione di protezione. Erano realizzati in due sezioni che si univano longitudinalmente nella parte superiore; Avevano semplici paraguancia e una copertura per il collo arrotondata che cadeva sul collo del soldato. Presentava aperture all'altezza delle orecchie, ma senza alcun tipo di protuberanza come nei modelli alti imperiali. La parte anteriore poteva presentare una decorazione a forma di occhi e, talvolta, venivano incorporati anche motivi geometrici a forma di croce, ma questi dettagli non toglievano nulla al suo aspetto austero e sobrio. Nell'immagine sotto, un'intercisa crestata.

intercisa

  • Apr 14, 2020 Jorge

Leave a comment

Accedi


Categorie

arrow_upward